Make your own free website on Tripod.com



Cancro



Il cancro consiste in un anomalo sviluppo di una o più masse di cellule che si accrescono in modo incontrollato. Tale termine viene talvolta usato come sinonimo del termine tumore; più correttamente, il cancro si riferisce a un tipo di tumore, il tumore maligno, che è dotato di una capacitù di invasività e di una struttura del tessuto diverse da quelle di un tumore benigno, il quale non si diffonde nell'organismo, non accresce la sua massa, rimane circoscritto in una determinata zona e guarisce spontaneamente.

Le cellule cancerose sono accomunate da alcune proprietà: sono clonali, cioè derivano tutte da una stessa cellula iniziale sana che ha modificato il suo RNA-DNA in modo anomalo; sono anaplastiche, ovvero non sono tra loro differenziate e non sembrano coordinate nello svolgimento delle loro funzioni; sono autonome, cioè seguono modalità di crescita proprie, che non tengono conto dei normali fattori che invece controllano la crescita delle cellule sane; possono dare luogo a metastasi, il che significa che possono colonizzare zone corporee differenti eanche molto distanti da quella in cui si è verificata la prima formazione tumorale.
Il cancro può insorgere da qualunque tipo di cellula e può localizzarsi in qualunque tessuto corporeo. In base al tipo di tessutoda cui deriva la prima cellula cancerosa, è possibile distinguere tre grandi gruppi di cancro: i sarcomi hanno origine da tessuti connettivi, ossa, cartilagini, nervi, vasi sanguigni, muscoli e tessuto adiposo; i carcinomi e i melanomi si formano nei tessuti epiteliali, come la cute e le mucose che rivestonole cavità interne, e nei tessuti ghiandolari, come la ghiandola mammaria e la prostata (adenocarcinomi); la leucemia e il linfoma (Hodgkin e non-Hodgkin) comprendono quei tipi di cancro, sottoforma di malattie del sangue, che interessano gli organi emopoietici e il sistema linfatico.

La caratteristica più significativa delle cellule cancerose è la loro capacità di diffusione oltre il sito d'origine. Il cancro può invadere i tessuti contigui, per estensione diretta o infiltrazione, o può raggiungere regioni anche molto distanti, dando luogo a localizzazioni secondarie, dette metastasi

Le cellule tumorali possono migrare all'interno dei vasi linfatici ed essere trasportate fino ai linfonodi o possono penetrare nei vasi sanguigni. Una volta entrate nel flusso sanguigno,le cellule tumorali vengono trasportate fino al punto in cui i vasi diventano talmente stretti da non lasciarle più passare. Le cellule provenienti da tumori dell'apparato digerente possono fermarsi in corrispondenza del fegato, mentre le cellule provenienti da altri tipi di tumore, prima di raggiungere altri organi, passano generalmente attraversano i polmoni. Polmoni e fegato sono, pertanto, frequenti zone di metastasi.


Esami clinici che permettono di identificare i tumori

Le classiche analisi del sangue (emocromo,ecc.) non permettono di avere certezze. Si possono avere tutti i valori in regola ed essere ammalati di cancro.

Le analisi del sangue specifiche invece permettono di sapere addirittura inanticipo se si è a rischio di ammalarsi di tumore, se iltumore sta crescendo, se sta regredendo e se si è guariti.Nel sangue ci sono dei marcatori tumorali,sostanze che testimoniano la presenza di cellule cancerose.

La biopsia, che comporta l'asportazione di una parte di tessuto da un tumore o da una metastasi, resta l'unico metodo certo per la diagnosi del tipo di cancro. L'introduzione di tecniche moderne ha ridotto notevolmente lanecessità della biopsia chirurgica "a cielo aperto"(cioè mettendo allo scoperto l'organo in esame),poichè, con la TAC guidata o l'ecografia e altre tecniche didiagnosi per immagine, è possibile estrarre per biopsia uncampione di tessuto da quasi tutte le zone del corpo tramite un ago sottile e flessibile.

Una volta formulata la diagnosi di cancro, è necessario valutare l'estensione, o stadio, della malattia. Per tutti i tumori lo stadio clinico (1°,2°,3° e 4°) è definito in base al prelievo dicampioni di tessuto con prognosi sempre più gravi, per cuisi dice primario (o di 1° grado) un piccolo localizzato, secondario un tumore localizzato più esteso, terziario un tumore tumore con interessamento dei linfonodi di quella regione corporea e, infine, quaternario (o di 4° grado) un tumore con metastasi distanti dal sito di origine.

L'ecografia, esame molto semplice e rapido, permette diindividuare formazioni superficiali, non invece quelle più in profondità. Anche se dall'ecografia non risulta nulla non significa che non ci siano tumori.

La radiografia, esame anch'esso molto semplice e rapido,può individuare formazioni cancerose. Anche qui, nessunagaranzia di certezza. I tumori possono esserci e risultare invisibili alla radiografia. Le radiazioni assorbite sono pari a 0,1 REM.

La T.A.C. (Tomografia Assiale Computerizzata) è una radiografia in 3Dconliquido di contrasto (non radioattivo) immesso nelle vene edàrisultati molto più recisi rispetto all'ecografia o allaradiografia, ma è in grado di rilevare solo che ci siano omeno formazioni anomale nell'organismo, nessuna certezza se quelleformazioni siano tumori in accrescimento, nè sul tipo di tumore. La T.A.C. equivale, a livello di radiazioni, a 1-4 REM (10-40 radiografie).

La P.E.T. (Tomografia a Emissione di Positroni) è molto simile alla T.A.C., ma è fatta con liquido di contrasto radioattivo e dà risultati ancora più precisi della T.A.C, in quanto la radioattività del liquido di contrasto immesso nelsangue rivela se le formazioni siano in accrescimento tumorale, ma non dà informazioni sul tipo di tumore. La P.E.T. equivale, a livello di radiazioni, a 1-4 REM, ma negli U.S.A. a quanto pare in molti se la fanno addirittura una volta all'anno (e poi si stupiscono che i tumori sono in aumento proprio nei paesi più ricchi).

La scintigrafia è molto simile alla P.E.T., anch'essa con liquido di contrasto radioattivo, precedentemente immesso nel sangue. Il liquido di contrasto si accumula nei centri tumorali in accrescimento attivo e permette di valutare conassoluta certezza se ci sono o meno formazioni in crescita. A seconda del liquido di contrasto e della zona irradiata varia tra 1 e 4 REM (pari a 10-40 radiografie).


Le radiazioni assorbite dal corpo umano si misurano in REM e la dosemassima assorbibile (D.M.A.) che una persona può assorbireall'anno senza conseguenze per la salute è di 0,5 REM (paria 5 radiografie). Gli organi non sono tutti resistenti alle radiazioniin ugual misura; gli organi riproduttivi, gli occhi e il tessutolinfatico sono molto delicati (ad es. l'esposizione di 10 REM allegonadi può provocare sterilità). I danni minoridelle radiazioni X e Gamma sono la morte delle cellule, quelli maggiorila mutazione del loro DNA e quindi l'alterazione dellacapacità di riprodursi, che provoca l'incontrollatoaccrescimento canceroso.

Tuttavianessun esame dà una certezza assoluta, poichè nonc'è modo di rilevare i micro-focolai, invisibili a ogniesame.Questi micro-focolai sono pericolosissimi, poichè possono esplodere e nel giro di un solo mese arrivare a ben 20 cm di spessore!Persino dopo 6 mesi di esami negativi, da cui non risulta nulla, si può avere una ri-esplosione immediata del cancro, nel brevetempo di un singolo mese. L'unico modo per essere certi al 100%è fare la cura dell'aloe per almeno 6 mesi dall'ultimo esamenegativo, in modo da eliminare ogni traccia, ogni cellula malata, persino quelle invisibili!


Metodi di cura tradizionali

Intervento chirurgico

Il principale approccio alla cura del cancro è l'asportazione (o meglio mutilazione!) chirurgica di una parte della massa cancerosa. Tuttavia, dato che l'intervento chirurgico non può asportare mai l'intera massa tumorale, ma solo una parte il risultato è che il cancro si riforma nella quasi totalità dei casi molto rapidamente(a volte anche nel giro di una settimana !) e più violentemente di prima ! Dal 2° stadio in poi (vedi sopra lo stadio del tumore),il tumore è già diffuso per cui l'interventochirurgico non dovrebbe essere preso neppure in considerazione, dal momento che riduce moltissimo le possibilità disopravvivenza per l'intossicazione dei farmaci, per il trauma delleferite e per l'indebolimento generale, oltre a causare sofferenze immani. Le probabilità di guarigione per intervento chirurgico (eccetto organi non vitali) sono inferiori allo 0,1% (potete controllare inqualsiasi Istituto di Statistica mondiale) e il prezzo da pagare intermini di sofferenze è altissimo. La chirurgia non può curare il cancro, perchè il tumore non è che lo stadio finale epiù visibile di una situazione patologica che coinvolgetutto l'organismo (solo nei primissimi stadi è circoscritto all'interno di un singolo organo).

In conclusione: se si hanno delle probabilità di guarigione curandosi (ad es. con l'aloe)senza intervento chirurgico, queste vengono ridotte a meno dello 0,1%se invece ci si sottopone all'asportazione chirurgica di parti diorgani vitali. L'aloe ovviamente non può fare "ricrescere"un polmone o un fegato asportati o una parte del cervello, per cuipensate molto bene a quello che fate, poichè una voltaoperati avete molte meno probabilità di sopravvivenza,persino con l'aloe. E' chiaro però che qualsiasi chirurgo,soprattutto in Italia, vi dirà l'esatto contrario di quelloche dicono tutte le statistiche internazionali ufficiali (che probabilmente neanche si è preso la briga di andare a vedere!).

La chemioterapia

La chemioterapia consiste nella terapia chimica del cancro con l'impiego di un cocktail di farmaci estremamente tossici. Per dare un'idea di quanto siano tossici questi veleni posso prendere spunto dalla stessa documentazione farmaceutica allegata a questi "farmaci": pensate che basterebbe solo triplicare le dosi di UNA SOLA "seduta" di chemioterapia per uccidere un cane, nel 100% dei casi, per avvelenamento nel giro di pochi giorni (potete controllare voi stessi dato che la tossicologia è pubblica). La maggior parte di queste sostanze è più tossica del veleno per i topi. E' vero che le cellule tumorali sono molto più sensibili a questi farmaci rispetto alle cellule sane, ma è anche vero che la chemioterapia azzera completamente il sistema immunitario, lasciando l'organismo senza nessuna difesa (insufficienza midollare, renale, epatica,cardiaca, respiratoria, ecc.). Inoltre provoca lesioni estese a tutti gli organi e tessuti e conseguente necrosi irreversibiledi alcuni di essi. Inoltre per smaltire questi farmaci occorre molto tempo, molto di più della durata di ogni ciclo, per cui quando si torna ad es. dopo un mese a fare un altro ciclo si ha un accumulo continuo di veleni nell'organismo! Non c'è da stupirsi che tutti questi farmaci siano estremamente cancerogeni, ossia potenzialmente in grado di sviluppare tumori anche in una persona sana!

La chemioterapia è dannosissima per l'organismo e provoca numerosi effetticollaterali molto sgradevoli, come ad esempio un'eventuale sterilità, inoltre l'organismo viene notevolmente indebolito e debilitato;questo significa che più si insiste con la cura epiù diventa attaccabile dalle malattie, compreso un ritorno del tumore anche dopo l'apparente guarigione provocato proprio dalla stessa chemioterapia.

Qui la documentazione scientifica sul fallimento della chemioterapia e sui gravi danni che essa comporta all'organismo.

Qui inoltre un interessantissimo sito che parla dell'inutilità totale della chemioterapia e delle bugie che raccontano i medici.

Nuova chemioterapia (Gleevec) e cura Di Bella

Recentemente si stanno sperimentando nuovi farmaci che, a detta delle case farmaceutiche, che guadagnano miliardi dalla loro produzione, dovrebbero essere molto più efficaci e molto meno devastanti rispettoaifarmaci precedenti. Non fatevi ingannare, poichè sebbene questinuovi farmaci (tra cui il famoso Gleevec) siano leggermente meno tossici rispetto ai farmaci di vecchia concezione, resta il fatto che i risultati non cambiano di una virgola! La gente soffre e muore lo stesso! Fare queste cure equivale a una sicura condanna a morte!
La cura Di Bella è meno tossica rispetto alla chemio tradizionale, nonchè più efficace della chemioterapia di vecchia e di nuova concezione, ma resta pur sempre un metodo alternativo, un metodo che la mafia dei medici cerca di ostacolare in tutti i modi. Ho visto scene di malati che venivano trattati in modo assurdo, solo perchè avevano "osato" scegliere la cura alternativa Di Bella! La cura dell'aloe in ogni caso è infinitamente più efficace della cura Di Bella.

Radioterapia

La sensibilità dei tumori alla radioterapia, ossia al "bombardamento" del tessuto mediante radiazioni, è molto variabile. Un tumore è definito sensibile quando è più vulnerabile all'effetto delle radiazionirispetto ai tessuti normali che lo circondano. Quando questo tipo di tumore è facilmente raggiungibile (ad esempio, un tumore superficiale o un tumore localizzato in un organo come l'utero, nelquale è possibile introdurre una fonte di radiazioni) può in teoria essere curabile con la radioterapia. Tuttavia,le radiazioni ovviamente colpiscono in parte anche i tessuti attornoalla zona da bombardare per cui le cellule sane possono subire delle mutazioni al DNA e quindi la radioterapia può essere causa di ulteriori focolai tumorali, anche a distanza di tempo.
Fattori di rischio e mortalità

I tipi di tumore maligno che determinano il maggior numero di decessi in Europa e negli Stati Uniti sono quelli del polmone, dell'intestino, della prostata e dello stomaco, che, nel loro insieme, costituiscono circa la metà delle cause di morte per cancro.

In Italia ogni anno si registrano circa 255.000 nuovi casi di cancro (1 persona su 220 si ammala), di cui 141.000 nei maschi e 114.000 nellefemmine. Nonostante si dica che la "ricerca ha fatto passi in avanti",il fenomeno è vertiginosamento in aumento e si muore molto più di ieri.

"I RISULTATI DELLA RICERCA SUL CANCRO NEGLI ULTIMI 30 ANNI SONO STATI UN COMPLETO FALLIMENTO

OGNI ANNO I MALATI DI CANCRO SONO SEMPRE DI PIU' E SEMPRE MENO PERSONE SI SALVANO"

(John C. Bailar III, prof. di epidemiologia e biostatistica alla Mc Gill University,

uno dei più famosi esperti di oncologia dell'intero pianeta)

Questo non sonocerto io a dirlo, ma i maggiori esperti mondiali nelle più importanti conferenze internazionali sul cancro .Se questo non coincide con quello che vi raccontano i medici, potete controllare di persona su Internet. Quitrovate la documentazione.

statistiche cancro Istat    Statistiche cancro Istat



LA CAUSA PRINCIPALE DEL CANCRO


Nelle cellule sane la respirazione cellulare avviene in presenza di ossigeno. Quando vi è una diminuzione di ossigeno nella cellula, essa fermenta, ossia compie una respirazione anaerobica, bruciando zuccheri al posto dell'ossigeno.
Numerosi esperimenti hanno accertato che:
    1) in tutte le cellule sane la respirazione avviene con ossigeno;
    2) in tutte le cellule tumorali vi è fermentazione, ossia respirano zuccheri al posto dell'ossigeno;
    3) il cancro si forma esclusivamente in cellule dove vi è mancanza di ossigeno (anaerobiosi);
    4) esiste una correlazione diretta e precisa tra fermentazione cellulare e sviluppo tumorale;
    5) maggiore è la fermentazione cellulare e maggiore è l'avanzamento del cancro;

La chiave quindi è tutta nella respirazione cellulare, la quale nelle cellule sane avviene aerobicamente, ossia con la giusta concentrazione di ossigeno, senza fermentazione, mentre in quelle tumorali la respirazione è sempre anaerobica, ossia in assenza di ossigeno, con fermentazione degli zuccheri.
E' stato dimostrato che, anche in provetta, basta una diminuzione dell'ossigeno del 35% per trasformare delle cellule sane in tumorali.
Una volta che il meccanismo è scattato, ossia quando la cellula ha sostituito la respirazione aerobica con la respirazione anaerobica, a base di zuccheri, non basta ripristinare la concentrazione di ossigeno per riportare tutto alla normalità, ma occorre fornire dei particolari enzimi per invertire il processo. La fermentazione tumorale può essere bloccata e la respirazione aerobica può essere ripristinata in breve tempo con particolari enzimi contenuti nell'Aloe Arborescens, negli antiossidanti e nelle vitamine (soprattutto nella vit.C).

La medicina ufficiale, invece, nonostante le evidenze di migliaia di esperimenti, scambia la causa con l'effetto e rimane convinta che la fermentazione e l'assenza di ossigeno siano l'EFFETTO del cancro e non la CAUSA! La causa per loro rimane completamente sconosciuta. Il premio Nobel Otto Warburg invece ha scoperto che la causa è esattamente un'insufficiente concentrazione di ossigeno nelle cellule. Gli esperimenti successivi gli hanno dato ragione, poichè si può indurre il cancro semplicemente riducendo l'ossigeno nelle cellule e si può guarire la cellula ripristinando la normale respirazione aerobica mediante quei principi attivi naturali.
La medicina ufficiale, non conoscendo la causa, tenta di distruggere le cellule tumorali con sostanze tossiche e velenose (la chemioterapia), ma così facendo avvelena anche le cellule sane! La chemioterapia brucia le vie sanguigne, avvelena il sangue con sostanze estremamente tossiche, riduce l'ossigeno nel sangue, spazza via gli enzimi necessari alla respirazione cellulare, per cui è quanto di più sbagliato si possa fare per combattere il cancro.
La prova è che i medici malati di cancro non fanno la chemioterapia, poichè sanno bene che è un inutile suicidio, e fanno cure a base di vitamine e antiossidanti!


IL RUOLO DETERMINANTE DELLO STRESS E DELL'INFELICITA'

Perchè alcune persone fumano diversi pacchetti di sigarette al giorno, mangiano tutto il giorno cibi grassi e dolci e non si ammalano mai di cancro, mentre altre persone pur non fumando, seguendo uno stile di vita impeccabile si ammalano di tumore ?

Il cancro è senza alcun dubbio una malattia psico-somatica,è una malattia cioè in cui il malessere/benesserepsicologico ha un effetto diretto sul malessere/benessere del corpo (mens sana in corpore sano dicevano gli antichi!).
Perchè una qualsiasi cura funzioni è necessariorimuovere la CAUSA del male, ossia il malessere psicologico. Un malato di cancro che sottovaluta questo aspetto è simile ad uno che con lafebbre speri di guarire stando fuori al freddo e sotto la pioggia,perchè pensa che il farmaco possa farlo guarire ugualmente.Molti pensano che tutto dipenda dalla cura farmacologica e non prendonoper niente in considerazione il fattore psicologico, che è invece è assolutamente determinante.

Persinola medicina classica non nega che l'infelicità giochi unruolo decisivo sia nel periodo pre-malattia, sia nella fase di guarigione!Persino i medici sono concordi nell'ammettere che la voglia di guarireè assolutamente determinante. La psiconeuroimmunologia haormai dimostrato che ogni emozione che proviamo, positiva o negativa, provoca un effetto diretto sul nostro corpo.

Quando proviamoemozioni negative, comequelle causate da insoddisfazione, insuccesso, depressione,infelicità, delusione, rabbia, sofferenza ecc., il nostrocorpo viene invaso da neuropeptidi nocivi che ci danneggianofisicamente, indebolendo il sistema immunitario, proprio comese prendessimo un farmaco dannoso. Alla lunga questa intossicazionecontinua di sostanze dannose, soprattutto se abbinata a uno stile di vita disordinato, può fare ammalare di cancro. Quando invece proviamo emozioni positive, come ad es. quando giochiamocon dei bambini o un cagnolino o abbiamo successo in qualcosa o abbiamodelle gratificazioni per qualcosa che abbiamo fatto, ecc. il nostrocorpo produce sostanze estremamente benefiche, meglio deipiù potenti e costosi farmaci, il nostro corpo si rafforza eguarisce ogni malattia. Ci sono casi documentati di persone guarite dalle peggiori forme di cancro solo con la forza della suggestione, sotto gli occhi stupìti e increduli degli oncologi.

PER GUARIRE E' NECESSARIO ELIMINARE IL MALESSERE PSICOLOGICO

DA CUI IL CANCRO TRAE LA SUA FORZA

SENZA UNA GRANDE VOGLIA DI VIVERE E DI GUARIRE NESSUNA CURA PUO' NULLA

E' necessario e determinante quindi:

  • Eliminare tutte le cose che odiamo fare

  • Quante volte siamo costretti o quasi costretti afare delle cose che non ci va assolutamente di fare, in tutte questesituazioni stressanti pensare che non succeda niente di graveè profondamente sbagliato. L'organismo si ribella e reagisceauto-punendosi, quasi come per dire: "ehi, sto soffrendo, non te neaccorgi?". Questo genere di situazioni alla lunga possono benissimocausare tumori maligni (è pluridimostrato). Fare lachemioterapia è quanto di più sbagliato si possa fare per combattere il cancro,perchè la chemioterapia fa stare malissimo ed èovvio che il corpo si ribelli con tutte le proprie forze a questocalvario mortale, perchè "sente" perfettamente cheè un male assoluto e non c'è proprio nulla di buono o di giusto nell'avvelenarsi in quel modo assurdo.
  • Eliminare tutte le situazioni che generano tensione e stress
  • Molte situazioni generano grande tensione, come ades. stare a contatto con delle persone con cui si hanno continue eaccese discussioni, oppure prendersela a cuore per qualcosa, ecc. Moltospesso se si sapesse il "prezzo" da pagare per certe tensioni neppure ci si sottoporrebbe, con immensi benefici in termini di salute.
  • Fare le cose che si ha voglia di fare
  • Quante volte si rimanda una cosa che piacerebbefare e non si fa mai, per un motivo o per un l'altro (la vitafrenetica, ecc.). Prendersi il piacere di fare una cosa del genere, haun effetto immensamente benefico e salutare sull'organismo, spesso meglio di qualunque super-nutriente.

Numerosi e concordi studi hanno evidenziato la correlazione tra le emozioni negative e la produzione eccessiva delle sostanze nell'organismo molto dannose, come ad es. il cortisolo, che favoriscono l'insorgere dei tumori. In questa pagina potete leggere i dettagli degli studi sugli effetti dello stress sul cancro.L'infelicità, la sofferenza, la depressione sono ovviamente molto più pericolose del semplice stress. Il GUARANA',una sostanza naturale, senza nessun effetto collaterale, puòrisolvere completamente TUTTI questi problemi, risolvendo la depressione e restituendovi la gioia di vivere e di fare!

Il fumo da sigaretta è responsabile dell'85% dei casi di cancro ai polmoni e del 30% dei decessi per tutti i tipi di cancronei maschi. Il tasso di mortalità per un fumatore checonsuma più di due pacchetti al giorno è 15-25 volte superiore rispetto a un non fumatore.

La cattiva alimentazione è insieme allo stress e al fumo la terza causa di cancro, perchè aumental'acidità dell'organismo e lo inonda di radicali liberi.Mangiare dolci, zuccheri raffinati (usate fruttosio !), insaccati, cibifritti, formaggi e prodotti preconfezionati, i quali non hanno alcunvalore nutritivo e contengono per giunta conservanti aumenta notevolmente il rischio di ammalarsi di cancro. Al contrariol'alimentazione ricca di verdure (molto ben lavate) e frutta frescariduce notevolmente il rischio ! In particolare, le vitamine naturalicome la A, la E e la C sonoimportantissime per non ammalarsi e guarire. Ovviamente non bisognafare lo sbaglio di mangiare "per forza" alimenti "benefici" cheperò odiamo mangiare, altrimenti si ha l'effetto opposto!Altri dettagli sulla dietada seguire. Se volete disintossicarvi del tutto e in modo naturale il metodo Kousmine è il MIGLIORE in assoluto.

L'obesità aumenta il rischio di cancro al colon, alla mammella, all'utero e alla prostata. Gli alimenti ricchi di fibre e vitamine riducono il rischio di cancro al colon, mentre gli alimenti ricchi di sale e gli affumicati aumentano il rischio di cancro allo stomaco e all'esofago.

La pillola anticoncezionale è causa di cancro al seno, all'utero e di diversi melanomi.

L'esposizione al sole è responsabile di tutti i tipi di tumore alla pelle. Occorre evitare di stare esposti al sole estivo dalle 11 alle 13 e mettersi in ogni caso una adeguata protezionesolare. Il fattore di protezione indica quanto tempo si puòstare al sole prima di scottarsi; ad es. se ci si scotta in un'orasenza protezione, con un fattore di protezione 4, ci si scotta in 4 volte più tempo, ossia 4 ore. La protezione va rimessa ogni 2 ore, poichè col tempo e con l'acquase ne va, anche se nella confezione è scritto che è resistente all'acqua.

L'alcool aumenta ilrischio di tumore alla bocca, alla laringe, alla gola, all'esofago e al fegato.

Lecondizioni ambientali incidono molto sull'insorgenza del cancro. Siè visto che in alcune zone il cancro èenormementepiù diffuso che in altre (la differenza puòessere anchedi 40 volte!). Questo può essere dovuto anche agli alimenti,animali e vegetali, trattati chimicamente con sostanze non a norma dilegge, prodotti nella zona o all'inquinamento da smog causato dallefabbriche nelle vicinanze. Ultimamente si è scoperto cheanchele antenne radio o televisive emittenti provocano il cancro, comeè successo nel caso di tutte le persone che si sono ammalateacause delle antenne di Radio Vaticano. I telefonini, se usati pertelefonate oltre i 2 minuti provocano danni alle orecchie e al cervello e possono causare malattie tumorali. I bambini, che sono estremamente più delicati degli adulti alle radiazioni, non dovrebbero mai usare il telefonino. Non fidatevi degli studi condotti dalla Motorola o da altre compagnietelefoniche o da centri di ricerca finanziati da queste,poichè ci sono evidenti interessi economici nel dimostrare il contrario.

Circa il 3% dei casi di cancro sembra avereuna base ereditaria; alcune recenti indagini hanno individuato alcunigeni difettosi, o oncogeni, responsabili della predisposizione ad ammalarsi di un determinato tipo di cancro.



Cancro Chemioterapia